LIMITARE L'USO DEI DISCHI ARTIFICIALI CERVICALI

Boselie, Cochrane Database Systematic Review, 2012

In base a una recente revisione sistematica della Cochrane Collaboration a cura di Boselie, l'uso dei dischi artificiali cervicali dovrebbe essere limitato agli esperimenti clinici finalizzati a raccogliere evidenze maggiori sulla loro sicurezza ed efficacia.
Boselie ha cercato tutti gli RCT pubblicati sulla sostituzione del disco cervicale per radicolopatia, mielopatia o entrambe, dovute alla degenerazione di un singolo disco cervicale.


La revisione ha incluso 9 RCT che comprendevano un totale di 2400 partecipanti. I risultati principali di queste studi comprendevano brachialgia, cervicalgia, condizioni funzionali del rachide cervicale, risultati neurologici e condizioni di salute generale.
Boselie ha trovato una "tendenza" a risultati a favore della sostituzione del disco, ma i vantaggi erano "invariabilmente lievi e clinicamente non rilevanti." Poiché nessuno di questi studi era in cieco, questi vantaggi potrebbero derivare dalle aspettative o da altri effetti non specifici. Il ricercatore non ha trovato evidenze che la sostituzione del disco cervicale permetta di ottenere uno dei suoi obiettivi principali: la riduzione dei sintomi secondari nei segmenti del collo adiacenti. E non essendoci ancora studi randomizzati con follow-up a lungo termine, l'uso di queste protesi discali dovrebbe essere limitato agli esperimenti clinici.


Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it