IL KINESIOTAPING NEI PAZIENTI LOMBALGICI, PUO' FARE LA DIFFERENZA?

Nelson NL, Journal of Bodywork and Movement Therapies, 2016
Keles BY, Journal of Back and Musculoskeletal Rehabilitation, 2017

L’utilizzo del Kinesio Taping (KT) è ormai trasversale a molti ambiti e si prefigge obiettivi diversi a seconda della sua modalità di applicazione. Studi dai risultati contrastanti hanno valutato la sua efficacia nel trattamento della lombalgia cronica e la prima revisione sistematica che ne tira le somme risale al 2016. La revisione analizzava i risultati provenienti da cinque studi randomizzati controllati (RCT) e dimostrava che, sia utilizzato singolarmente che associato ad altre terapie, non aggiungeva più efficacia in termini di riduzione del dolore e della disabilità rispetto alla terapia standard con esercizi, mentre sembrava essere efficace nel migliorare il range di movimento e di effetto globale percepito (GPE) (Nelson NL, 2016).
Un RCT successivo è andato a confrontare, in doppio cieco, l’effetto del KT reale e placebo su 60 pazienti con lombalgia da ernia del disco. Il tape era stato applicato una volta a settimana per tre settimane e l’ultimo follow-up risaliva alle dodici settimane successive al trattamento. I risultati hanno dimostrato un miglioramento iniziale in termini di dolore, mobilità e disabilità in entrambi i gruppi di pazienti, con una continuità fino alla dodicesima settimana solo nel gruppo del KT reale. Inoltre, il gruppo sottoposto al vero Kinesio Tape ha utilizzato meno analgesici in tutto il periodo di follow-up rispetto all’altro gruppo (Keles BY, 2017).
Questo studio riporta risultati che differiscono dalle conclusioni della precedente revisione; studi futuri dovranno quindi continuare ad approfondire l’impatto del Kinesio Taping sulla lombalgia sia cronica che acuta, sia nel breve che nel lungo periodo.


Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it