UNA NUOVA TECNICA PER LA RIDUZIONE DELL'ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI NELLE SCOLIOSI IDIOPAICHE ADOLESCENZIALI

Minehiro K, Spine, 2018

La radiografia rappresenta un tassello fondamentale nella diagnosi e nel trattamento delle patologie della colonna, prima fra tutte la scoliosi idiopatica adolescenziale. Essa permette di fare diagnosi, di verificare nel tempo la sua evoluzione e di valutare l’efficacia della terapia adottata per contrastarla.
Vista la dose di radiazioni a cui i ragazzi con scoliosi sono sottoposti durante la crescita, sempre più ricercatori sono impegnati nello studio di metodiche che permettano una riduzione delle dosi di radiazioni ricevute dai pazienti, ma che allo stesso tempo garantiscano una buona qualità dell’immagine.
Un recente studio giapponese ha dimostrato che l’utilizzo di filtri in rame di 0.2 mm è in grado di ridurre fino al 60% l’esposizione alle radiazioni, permettendo agli specialisti nel campo della colonna vertebrale di andare ad individuare le varie componenti delle vertebre nei pazienti con scoliosi idiopatica adolescenziale con la stessa accuratezza rilevata in assenza del filtro.
Studi futuri permetteranno un confronto tre le varie metodiche esistenti per la riduzione dell’esposizione alle radiazioni, dando modo agli esperti di comprendere quale sia la più efficace.


Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it